foroeuropeo.it

I limiti deontologici all’accordo con il cliente sul proprio compenso professionale - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2012, n. 203

Print Friendly, PDF & Email

I limiti deontologici all’accordo con il cliente sul proprio compenso professionale - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2012, n. 203

Ferma restando la disciplina dettata dall’art. 2233 c.c., che pone come fonte primaria nella determinazione dei compensi l’accordo tra le parti, le somme concordemente pattuite tra professionista e cliente non possono derogare al principio di proporzionalità tra attività svolta e compensi richiesti, come enunciato nell’art. 43 cdf (e ribadito nel successivo art. 45 CDF), che mira proprio a mitigare i contrapposti interessi, prevenendo condotte del professionista in danno del cliente.

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2012, n. 203

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile