foroeuropeo.it

La restituzione della documentazione al cliente non può essere subordinata al pagamento del compenso - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2017, n. 241

Print Friendly, PDF & Email

La restituzione della documentazione al cliente non può essere subordinata al pagamento del compenso - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2017, n. 241

L’ordinamento della professione forense non prevede un diritto di ritenzione, sicché l’omessa restituzione al cliente della documentazione ricevuta per l’espletamento del mandato va deontologicamente sanzionata, atteso che ai sensi degli artt. 2235 c.c., 42 c.d. (ora, 33 ncdf) e 66 del R.d.l. n. 1578/33, l’avvocato non ha diritto di ritenere gli atti e i documenti di causa, né può subordinarne la restituzione al pagamento delle spese e dell’onorario (Nel caso di specie, il professionsita scriveva ai clienti: “…il fascicolo è a Vostra disposizione non appena avrete provveduto al saldo delle mie competenze come da nota che allego”).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 28 dicembre 2017, n. 241

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile