foroeuropeo.it

La “dimenticanza” non deroga all’obbligo di dare istruzioni e informazioni al collega

Print Friendly, PDF & Email

La “dimenticanza” non deroga all’obbligo di dare istruzioni e informazioni al collega - Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 50 del 16 luglio 2019

La “dimenticanza” non può costituire esimente alle violazioni dei doveri fondamentali dell’avvocato, tra cui segnatamente quelli di probità, dignità, decoro, lealtà e correttezza (artt. 5 e 6 del previgente Codice Deontologico Forense, ora riprodotti negli art.li 9 e 19 del nuovo codice) e di diligenza (art. 8, ora art. 12 del NCDF), nonché alla violazione dell’art. 31 (ora art. 47) del codice deontologico, della quale le altre violazioni contestate costituiscono anche il presupposto (Nel caso di specie, l’avvocato aveva omesso di informare il proprio domiciliatario che la comune cliente era fallita diversi anni prima, così impedendogli di insinuarsi tempestivamente nel fallimento per il recupero del proprio credito professionale).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 50 del 16 luglio 2019

Riferimenti normativi: ncdf47

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile