foroeuropeo.it

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ascoli Piceno ha chiesto, con nota 19 novembre 2014 Prot. n. 257/14, parere in relazione alla applicabilità dell’art. 34 del nuovo Codice deontologico forense agli avvocati degli enti pubblici - Consiglio naziona

Print Friendly, PDF & Email

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ascoli Piceno ha chiesto, con nota 19 novembre 2014 Prot. n. 257/14, parere in relazione alla applicabilità dell’art. 34 del nuovo Codice deontologico forense agli avvocati degli enti pubblici.

Il Consiglio rimettente evidenzia, in particolare, che l’obbligo imposto all’avvocato, di rinunciare preventivamente a tutti gli incarichi ricevuti dal cliente, nel caso egli intenda avviare nei confronti del medesimo un’azione giudiziaria per conseguire il pagamento delle proprie prestazioni professionali, implicherebbe conseguenze particolarmente destabilizzanti se applicato anche all’avvocato dell’ente pubblico.
In questa ipotesi, infatti, la dismissione di tutti gli incarichi o mandati pregiudicherebbe la prosecuzione del rapporto con l’ente datore di lavoro.
La Commissione osserva che l’art. 34 del Codice deontologico forense si riferisce al rapporto tra avvocato e cliente privato, rispetto al quale la preventiva rinuncia agli incarichi incide sul mandato ricevuto; la regola di condotta dettata dall’art. 34 non può, tuttavia, essere estesa al punto tale da pregiudicare la stabilità del rapporto di dipendenza che connota la posizione giuridica dell’avvocato di ente pubblico. Tanto più che la disciplina dell’art. 34 si riferisce al compenso professionale, avente natura e struttura ben diversa dal trattamento economico (stipendiale) proprio dell’avvocato dipendente.

Consiglio nazionale forense, parere 19 novembre 2014, n. 100

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile