foroeuropeo.it

Sospeso l’avvocato che sottace al G.E. la dichiarazione negativa del terzo pignorato - Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 219 del 6 novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Sospeso l’avvocato che sottace al G.E. la dichiarazione negativa del terzo pignorato

Le dichiarazioni in giudizio relative all’esistenza di fatti o inesistenza di fatti obiettivi, che siano presupposto specifico per un provvedimento del magistrato e di cui l’avvocato abbia diretta conoscenza, devono essere vere e comunque tali da non indurre il giudice in errore (art. 50 cdf). Conseguentemente, costituisce illecito disciplinare il comportamento dell’avvocato che, al fine di ottenere l’assegnazione della somma, ometta di dichiarare al Giudice dell’Esecuzione di aver ricevuto la dichiarazione negativa del terzo pignorato (e ciò anche a prescindere dall’asserita falsità della predetta dichiarazione stessa), così ottenendo di evitare le formalità, i provvedimenti e gli oneri anche probatori di cui all’art. 549 c.p.c.

Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 219 del 6 novembre 2020

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

amministrativo

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile