foroeuropeo.it

Nemo tenetur se detegere: il diritto di difesa dell’incolpato comprende quello di rimanere in silenzio - Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 221 del 6 novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Nemo tenetur se detegere: il diritto di difesa dell’incolpato comprende quello di rimanere in silenzio

Il dovere di “verità” e di “collaborazione” con le Istituzioni forensi ex art. 71 cdf (già art. 24 codice previgente) non preclude all’avvocato, sottoposto a procedimento o ad indagine disciplinare, il diritto di difendersi “tacendo” od anche “mentendo” sulle proprie responsabilità, ossia negando l’addebito mossogli anche col silenzio o rendendo dichiarazioni non vere, perché altrimenti ne risulterebbe coartata la sua libertà di scegliere la strategia difensiva ritenuta più opportuna, che ha il suo referente costituzionale nell’art. 24 Cost. e nel più generale diritto a difendersi e non ad auto incolparsi.

Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 221 del 6 novembre 2020

Manuali giuridici multimediali - Corsi online preparazione concorsi

copertina parametri 2018

procedura penale

amministrativo

procedura penale

procedura civile

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile