foroeuropeo.it

Procedimento disciplinare: inammissibile l’impugnazione da parte dell’esponente

Print Friendly, PDF & Email

Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Stoppani, rel. Cosimato), sentenza n. 174 del 9 ottobre 2021

 

La legittimazione a proporre impugnazione delle decisioni disciplinari del Consiglio territoriale compete esclusivamente all’incolpato, al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, al Procuratore delle Repubblica e al Procuratore Generale della Corte di Appello (art. 61 legge 247/12), e non pure all’esponente, il cui eventuale ricorso deve pertanto dichiararsi inammissibile, ferma restando la facoltà di rivolgersi al giudice civile o penale per far valere i propri interessi (Nella specie, l’esponente aveva impugnato il provvedimento di archiviazione).

Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Stoppani, rel. Cosimato), sentenza n. 174 del 9 ottobre 2021

 

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile