foroeuropeo.it

informatico CopiaPiattaforma e-Learning corsi                 book iconCerca in Foroeuropeo               Laptop wifi icon- Login Accesso rservato 


 

L’aggiornamento professionale forense diventa effettivamente obbligatorio e può determinare la cancellazione dall’albo come previsto dal D.M. 47/2016 che avrà attuazione alla fine del triennio formativo 2017/2019

Accertata la mancanza dell'esercizio effettivo, continuativo, abituale e prevalente della professione in assenza della indicazione da parte dell’avvocato della sussistenza di giustificati motivi oggettivi o soggettivi il Consiglio dell’Ordine deve attivare il procedimento di cancellazione dall’albo. (art. 3 e 4 dm 47/2016)

L'avvocato cancellato dall'Albo, …. per non aver assolto l'obbligo di aggiornamento professionale secondo le modalità e le condizioni stabilite dal Consiglio nazionale forense, non può esservi nuovamente iscritto prima che siano decorsi dodici mesi da quando la delibera di cancellazione è divenuta esecutiva.

La normativa di riferimento

L’art. 11 (Formazione continua) della legge 247/2012 (Ordinamento professionale forense) stabilisce che “L'avvocato ha l'obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale al fine di assicurare la qualità delle prestazioni professionali e di contribuire al migliore esercizio della professione nell'interesse dei clienti e dell'amministrazione della giustizia.” Il secondo comma demanda al C.N.F. il compito di fissare “le modalità e le condizioni per l'assolvimento dell'obbligo di aggiornamento da parte degli iscritti”.

Con il Regolamento16 luglio 2014, n. 6 il C.N.F. ha disciplinato le modalità e le condizioni per l’assolvimento dell’obbligo di formazione continuo da parte dell’avvocato o del tirocinante abilitato al patrocinio.

L’avvocato iscritto deve conseguire, nell’arco del triennio formativo, almeno n. 60 Crediti Formativi Professionali, di cui n. 9 Crediti Formativi nelle materie obbligatorie di ordinamento e previdenza forensi e deontologia ed etica professionale.

Ogni anno l’Avvocato iscritto deve conseguire almeno n. 15 Crediti Formativi, di cui n. 3 Crediti Formativi nelle materie obbligatorie. È consentita la compensazione dei Crediti Formativi maturati solo nell’ambito del triennio formativo e nella misura massima di n. 5 Crediti Formativi per anno.

Il regolamento stabilisce che il numero di Crediti Formativi conseguiti in modalità e-learning non può superare il limite del quaranta per cento (40%) del totale dei Crediti Formativi da conseguire nel triennio. Massimo 24 crediti su sessanta.

L’art. 21 della legge 247/2012 stabilisce che la professione forense deve essere esercitata in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente e demanda ad un decreto ministeriale di stabilire le modalità.

Il Decreto ministeriale 25 febbraio 2016, n. 47, stabilisce che il “consiglio dell'Ordine circondariale, ogni tre anni a decorrere dall'entrata in vigore del presente regolamento, verifica, con riguardo a ciascuno degli avvocati iscritti all'Albo, anche a norma dell'articolo 6 del decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 96, la sussistenza dell'esercizio della professione in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente”.

L’art. 2 di detto decreto precisa che “La professione forense è esercitata in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente quando l'avvocato:

a) è titolare di una partita IVA attiva o fa parte di una società o associazione professionale che sia titolare di partita IVA attiva;
b) ha l'uso di locali e di almeno un'utenza telefonica destinati allo svolgimento dell'attività professionale, anche in associazione professionale, società professionale o in associazione di studio con altri colleghi o anche presso altro avvocato ovvero in condivisione con altri avvocati;
c) ha trattato almeno cinque affari per ciascun anno, anche se l'incarico professionale è stato conferito da altro professionista;
d) è titolare di un indirizzo di posta elettronica certificata, comunicato al consiglio dell'Ordine;
e) ha assolto l'obbligo di aggiornamento professionale secondo le modalità e le condizioni stabilite dal Consiglio nazionale forense;
f) ha in corso una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile derivante dall'esercizio della professione, ai sensi dell'articolo 12, comma 1, della legge”.

Le modalità con cui ciascuno degli ordini circondariali individua, con sistemi automatici, le dichiarazioni sostitutive da sottoporre annualmente a controllo a campione, sono stabilite con decreto del Ministero della giustizia non ancora pubblicato.

Accertata la mancanza dell'esercizio effettivo, continuativo, abituale e prevalente della professione in assenza della indicazione da parte dell’avvocato della sussistenza di giustificati motivi oggettivi o soggettivi il Consiglio dell’Ordine deve attivare il procedimento di cancellazione dall’albo. (Si applica l'articolo 17, comma 14, della legge, nonchè, per quanto di ragione, il comma 18 del predetto articolo 17 e l'articolo 36, comma 7, della legge.

Terminato il procedimento e divenuto esecutivo il provvedimento l'avvocato cancellato dall'Albo ha il diritto, in alcuni casi previsti dal citato decreto, di essere nuovamente iscritto “qualora dimostri di avere acquisito i predetti requisiti”.

L'avvocato cancellato dall'Albo, per non aver trattato almeno cinque affari per ciascun anno, anche se l'incarico professionale è stato conferito da altro professionista o per non aver assolto l'obbligo di aggiornamento professionale secondo le modalità e le condizioni stabilite dal Consiglio nazionale forense, non può esservi nuovamente iscritto prima che siano decorsi dodici mesi da quando la delibera di cancellazione è divenuta esecutiva.

Le tipologie di formazione per ottenere i crediti formativi

Il regolamento del C.N.F. oltre alla formazione in presenza a convegni, seminari, master prevede la formazione a distanza (FAD) distinguendo due tipologie:
AUTOFORMAZIONE;
FORMAZIONE DI GRUPPO IN VIDEOCONFERENZA. 

IL PROGRAMMA DI AUTOFORMAZIONE è un processo progettato per consentire al partecipante di apprendere un determinato argomento senza un significativo intervento di un docente, i cui tempi di fruizione sono decisi e dal partecipante compatibilmente con la struttura del programma formativo e nel rispetto del termine ultimo per l’esame finale.

I programmi di autoformazione, meglio noti come corsi in elearning, utilizzano domande con obbligo di risposta esatta per controllare la presenza e per misurare il tempo di partecipazione, sulla base del quale viene determinato il numero di Crediti Formativi Professionali (CFP) assegnati. 

La acquisizione di crediti formativi con questo sistema è limitato al 40% e, pertanto all’avvocato nel triennio vengono riconosciuti un massimo di 24 crediti formativi. Per ottenere gli altri 36 crediti deve necessariamente utilizzare gli altri sistemi di aggiornamento previsti.

IL PROGRAMMA DI FORMAZIONE DI GRUPPO è un percorso formativo progettato per consentire al partecipante di apprendere un determinato argomento attraverso l’interazione con un docente e con gli altri partecipanti, indipendentemente dal luogo o dalla modalità di svolgimento dell’evento: aula, sala conferenze, utilizzo di Internet. 

In questo programma di formazione il relatore/docente si trova in un luogo diverso da quello dove è collocato il gruppo di professionisti ed utilizza la videoconferenza in diretta streaming per svolgere la relazione/lezione e per essere interattivo.

Le videoconferenze di gruppo in diretta streaming

Foroeuropeo da tre anni ha attivato il PROGRAMMA DI FORMAZIONE DI GRUPPO CON LE VIDEOCONFERENZE IN DIRETTA STREAMING consentendo a decine di studi legali di far acquisire ai partecipanti i crediti formati ordinari e di deontologia.

Le videoconferenze di gruppo a distanza proposte da Foroeuropeo consentono di adempiere a tutti gli obblighi formativi previsti dalla normativa vigente, di deontologia e ordinari, poiché sono equiparate ai convegni in presenza e, pertanto, non vi è la limitazione del 40% prevista per i corsi di e-learning.

Tags:

Stampa Email