118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online logo 118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online foro_rivista

649 visitatori e nessun utente online

118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose)

Codice di procedura civile Libro primo: DISPOSIZIONI GENERALI Titolo V: DEI POTERI DEL GIUDICE 118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose)

Art. 118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) 

I. Il giudice può ordinare alle parti e ai terzi di consentire sulla loro persona o sulle cose in loro possesso le ispezioni che appaiono indispensabili per conoscere i fatti della causa, purché ciò possa compiersi senza grave danno per la parte o per il terzo, e senza costringerli a violare uno dei segreti previsti negli articoli 351 e 352 del Codice di procedura penale.

II. Se la parte rifiuta di eseguire tale ordine senza giusto motivo, il giudice può da questo rifiuto desumere argomenti di prova a norma dell’articolo 116 secondo comma.
III. Se rifiuta il terzo, il giudice lo condanna a una pena pecuniaria da euro 250 ad euro 1.500. (1)

---
(1) Le parole: “non superiore a euro 5 “ sono state così sostituite dall’art. 45, co. 15, della L. 18 giugno 2009, n. 69.

___________________________________________________________

Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le massime di riferimento in ordine di pubblicazione - La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista. E' possibile attivare una ricerca full test inserendo la parola chiave nel campo "cerca"

118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55Sentenza - contenuto - motivazione in genere
Provvedimenti del giudice civile - sentenza - contenuto - motivazione - in genere - assorbimento di una domanda - in senso proprio e improprio - nozione - conseguenza - omessa pronuncia - insussistenza - limiti - assorbimento erroneamente dichiarato – configurabilità - Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 28995 del 12/11/2018 La figura dell'assorbimento in senso proprio ricorre quando la decisione sulla domanda assorbita diviene superflua, per sopravvenuto difetto di interesse della parte, la quale con la pronuncia sulla domanda assorbente ha conseguito la tutela richiesta nel modo più pieno, mentre è in senso improprio quando la decisione assorbente esclude la necessità o la possibilità di provvedere sulle altre questioni, ovvero comporta un implicito rigetto di altre domande. Ne consegue che l'assorbimento non comporta un'omissione di pronuncia (se non in senso formale) in quanto, in realtà, la decisione assorbente permette di ravvisare la decisione implicita (di rigetto oppure di accoglimento) anche sulle questioni assorbite, la cui motivazione è proprio quella dell'assorbimento, per cui, ove si escluda, rispetto ad una certa questione proposta, la correttezza della valutazione di assorbimento, avendo questa costituito l'unica motivazione della decisione assunta, ne risulta il vizio di motivazione del tutto omessa. Corte di Cassazione, Sez. 1, Ordinanza n. 28995 del 12/11/2018...
118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55Omessa ammissione della prova testimoniale o di altra prova
Impugnazioni civili - cassazione (ricorso per) - motivi del ricorso - vizi di motivazione - omessa ammissione di prova testimoniale o di altra prova - vizio di omessa motivazione su un punto decisivo della controversia - configurabilità - condizioni - denuncia in sede di legittimità - requisiti - pronuncia di rigetto per difetto di prova - richiamo in motivazione ad ordinanza non ammissiva di prova - sufficienza - fondamento. Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 27415 del 29/10/2018 >>> L'omessa ammissione della prova testimoniale o di altra prova può essere denunciata per cassazione solo nel caso in cui essa abbia determinato l'assenza di motivazione su un punto decisivo della controversia e, quindi, ove la prova non ammessa ovvero non esaminata in concreto sia idonea a dimostrare circostanze tali da invalidare, con un giudizio di certezza e non di mera probabilità, l'efficacia delle altre risultanze istruttorie che hanno determinato il convincimento del giudice di merito. Pertanto, in base al principio desumibile dagli artt. 132, n. 4, c.p.c. e 118, comma 1, disp. att. c.p.c. (nella formulazione applicabile "ratione temporis"), la sentenza di rigetto della domanda per difetto di prova è congruamente motivata anche mediante richiamo all'ordinanza istruttoria che abbia respinto una richiesta inammissibile di prova, trattandosi di pronuncia comunque espressiva del giudizio che la parte avrebbe dovuto dare impulso alla detta prova con la richiesta di mezzi ammissibili e concludenti. Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 27415 del 29/10/2018  ...
118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55Provvedimenti del giudice civile - sentenza - contenuto - motivazione - in genere - Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 21037 del 23/08/2018
Motivazione "per relationem" - Ammissibilità - Condizioni - Fattispecie. La sentenza pronunziata in sede di gravame è legittimamente motivata "per relationem" ove contenga espliciti riferimenti alla pronuncia di primo grado, facendone proprie le argomentazioni in punto di diritto, e fornisca, pur sinteticamente, una risposta alle censure formulate, nell'atto di appello e nelle conclusioni, dalla parte soccombente, risultando così appagante e corretto il percorso argomentativo desumibile attraverso l'integrazione della parte motiva delle due sentenze. (In applicazione del suddetto principio, la S.C. - in fattispecie concernente licenziamento disciplinare - ha ritenuto legittima la motivazione che in sede di reclamo, riprodotto sinteticamente il contenuto della sentenza impugnata e delle ragioni che la sorreggevano, aveva riportato le censure mosse avverso la predetta sentenza e dato implicitamente contezza dell'attribuibilità al lavoratore dei fatti contestati). Corte di Cassazione, Sez. L, Sentenza n. 21037 del 23/08/2018  ...
118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55Provvedimenti del giudice civile - sentenza - contenuto - motivazione - in genere - Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 22022 del 21/09/2017
Sentenza di appello - Motivazione "per relationem" alla sentenza di primo grado - Nullità - Sussistenza. Deve considerarsi nulla la sentenza di appello motivata "per relationem" alla sentenza di primo grado, qualora la laconicità della motivazione non consenta di appurare che alla condivisione della decisione di prime cure il giudice d'appello sia pervenuto attraverso l'esame e la valutazione di infondatezza dei motivi di gravame, previa specifica ed adeguata considerazione delle allegazioni difensive, degli elementi di prova e dei motivi di appello. Corte di Cassazione Sez. 6 - 5, Ordinanza n. 22022 del 21/09/2017  ...
118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55famiglia - filiazione - filiazione naturale - dichiarazione giudiziale di paternità e maternità - prova – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 6025 del 25/03/2015
Rifiuto di sottoporsi ad esami ematologici - Valenza probatoria ex art. 116, secondo comma, cod. proc. civ. - Elevato valore indiziario - Prova della fondatezza della domanda - Sufficienza. Nel giudizio promosso per l'accertamento della paternità naturale, il rifiuto di sottoporsi ad indagini ematologiche - nella specie opposto da tutti gli eredi legittimi del preteso padre - costituisce un comportamento valutabile da parte del giudice, ex art. 116, secondo comma, cod. proc. civ., di così elevato valore indiziario da poter da solo consentire la dimostrazione della fondatezza della domanda. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 6025 del 25/03/2015  ...
118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55prova civile - ispezione giudiziale - di luoghi – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 13431 del 08/06/2007
Potere discrezionale del giudice - Istanza di ispezione giudiziale - Omessa pronuncia - Rigetto implicito - Configurabilità - Fondamento - Conseguenze - Deducibilità in cassazione - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 13431 del 08/06/2007 Non è censurabile in sede di legittimità la sentenza che non abbia indicato le ragioni del mancato accoglimento dell'istanza di ispezione giudiziale, giacché dal fatto che il giudice non si sia avvalso del potere discrezionale di disporla si deduce per implicito che egli ha escluso la sussistenza del presupposto dell'indispensabilità per conoscere i fatti di causa. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 13431 del 08/06/2007  ...
118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55prova civile - ispezione giudiziale - di luoghi – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15430 del 07/07/2006
Poteri discrezionali del giudice - Istanza di ispezione giudiziale - Omessa pronuncia - Rigetto implicito - Configurabilità - Fondamento - Conseguenze - Deducibilità in cassazione - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15430 del 07/07/2006 In tema di prova, non è censurabile in sede di legittimità l'omessa statuizione in ordine all'istanza di ispezione giudiziale, giacché dal mancato esercizio, da parte del giudice, del potere discrezionale di disporla si deduce per implicito che egli, alla stregua delle risultanze istruttorie acquisite, non ne ha ravvisato la necessità. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15430 del 07/07/2006  ...
118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55Prova civile - ispezione giudiziale - di luoghi - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15430 del 07/07/2006
Poteri discrezionali del giudice - Istanza di ispezione giudiziale - Omessa pronuncia - Rigetto implicito - Configurabilità - Fondamento - Conseguenze - Deducibilità in cassazione - Esclusione. In tema di prova, non è censurabile in sede di legittimità l'omessa statuizione in ordine all'istanza di ispezione giudiziale, giacché dal mancato esercizio, da parte del giudice, del potere discrezionale di disporla si deduce per implicito che egli, alla stregua delle risultanze istruttorie acquisite, non ne ha ravvisato la necessità. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 15430 del 07/07/2006  ...
118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online riga_9_55provvedimenti del giudice civile - sentenza - contenuto - conclusioni del p.m. e delle parti – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 5277 del 10/03/2006
Omessa trascrizione delle conclusioni delle parti - Conseguenze sulla validità della sentenza - Limiti. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 5277 del 10/03/2006 L'omessa, inesatta o incompleta trascrizione delle conclusioni delle parti nell'epigrafe della sentenza importa nullità della sentenza stessa soltanto quando le suddette conclusioni non siano state esaminate, di guisa che sia mancata in concreto una decisione sulle domande ed eccezioni ritualmente proposte, mentre quando dalla motivazione risulta che le conclusioni sono state effettivamente esaminate, il vizio si risolve in una semplice imperfezione formale, irrilevante ai fini della validità della sentenza. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 5277 del 10/03/2006  ...

___________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice di procedura civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

oneri fiscali

118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online computer_pc_10894programma scorporo oneri fiscali


118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online computer_pc_10894

programma calcolo oneri fiscali

compenso

118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online coins-icon Avvocati - programma calcolo notula parametri d.m. 37/2018


118. (Ordine d'ispezione di persone e di cose) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online coins-icon Avvocati - programma calcolo notula parametri d.m.55/2014


FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica
Rivista Specialistica - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma

Elenco Speciale Ordine Giornalisti del Lazio
Direttore Editoriale avv. Domenico Condello

Foroeuropeo S.r.l.
Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma
CF- PI 13989971000

Copyright © 2001 - 2019 - tutti i diritti riservati

Comitato Redazione e Collaboratori

Collabora con foroeuropeo

pubblicità - note legali