222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online logo 222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online foro_rivista

1177 visitatori e 2 utenti online

222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura)

Codice di procedura civile Libro secondo: DEL PROCESSO DI COGNIZIONE Titolo I: DEL PROCEDIMENTO DAVANTI AL TRIBUNALE Capo II: DELL'ISTRUZIONE DELLA CAUSA Sezione I: DEI POTERI DEL GIUDICE ISTRUTTORE IN GENERALE Sezione II: DELLA TRATTAZIONE DELLA CAUSA Sezione III: DELL'ISTRUZIONE PROBATORIA § 1: DELLA NOMINA E DELLE INDAGINI DEL CONSULENTE TECNICO § 2: DELL'ASSUNZIONE DEI MEZZI DI PROVA IN GENERALE § 3: DELL'ESIBIZIONE DELLE PROVE § 4: DEL RICONOSCIMENTO E DELLA VERIFICAZIONE DELLA SCRITTURA PRIVATA § 5: DELLA QUERELA DI FALSO 222. (Interpello della parte che ha prodotto la scrittura)

Art. 222. (Interpello della parte che ha prodotto la scrittura)

Quando è proposta querela di falso in corso di causa, il giudice istruttore interpella la parte che ha prodotto il documento se intende valersene in giudizio. Se la risposta è negativa, il documento non è utilizzabile in causa; se è affermativa, il giudice, che ritiene il documento rilevante, autorizza la presentazione della querela nella stessa udienza o in una successiva; ammette i mezzi istruttori che ritiene idonei, e dispone i modi e i termini della loro assunzione.

_________________________________________________________________________________
Giurisprudenza:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Querela di falso – contenuto - Obbligo di indicazione degli elementi e delle prove della falsità - Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 4720 del 19/02/2019
Prova civile - falso civile - querela di falso – contenuto - Obbligo di indicazione degli elementi e delle prove della falsità - Estremi - Presunzioni - Ammissibilità - Fattispecie in tema di produzione di consulenza tecnica di parte. Ai fini della valida proposizione della querela di falso, l'obbligo di indicazione degli elementi e delle prove della falsità previsto dall'art. 221 c.p.c. può essere assolto con qualsiasi tipo di prova che sia idonea all'accertamento del falso e, quindi, anche a mezzo di presunzioni. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza di merito che aveva ritenuto inidonei a dimostrare la falsità della sottoscrizione di una quietanza di integrale soddisfacimento di un credito risarcitorio il deposito di una consulenza tecnica di parte, la sottoscrizione, da parte della querelante, del verbale di udienza, la dichiarazione di disponibilità della stessa al saggio grafico, nonché la macroscopica inferiorità della somma riportata nella quietanza rispetto a quella oggetto della domanda risarcitoria e a quella indicata in una bozza di transazione sottoscritta dalla medesima querelante). Corte di Cassazione, Sez. 3 - , Sentenza n. 4720 del 19/02/2019 Cod_Proc_Civ_art_221, Cod_Proc_Civ_art_222, Cod_Civ_art_2727...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Falso civile - querela di falso - in genere prova
Prova civile - falso civile - querela di falso - in genere prova - onere a carico del querelante. Nel giudizio di falso, la prova univoca della falsità del documento impugnato con apposita querela deve essere fornita dal querelante perché possa pervenirsi all'accoglimento della relativa domanda, sia essa proposta in via incidentale o in via principale. Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 2126 del 24/01/2019  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - intervento del p.m. - Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 22979 del 02/10/2017
Querela di falso in appello - Comunicazione al P.M. dell'avvenuta proposizione - Esclusione - Fondamento. Proposta querela di falso in appello, la corte, nel provvedere ai sensi dell'art. 355 c.p.c., non è tenuta a comunicare alcunché al P.M., il cui intervento nel giudizio di falso è necessario nella fase relativa all'accertamento del falso medesimo, ma non anche in quella preliminare, in cui si decide dell'ammissibilità dell'azione e della rilevanza del documento, giacché soltanto con l'effettiva promozione di accertamenti della falsificazione denunciata si coinvolge il generale interesse all'intangibilità della pubblica fede dell'atto, che l'organo requirente è chiamato a tutelare. Corte di Cassazione, Sez. 2 - , Ordinanza n. 22979 del 02/10/2017  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 8705 del 03/05/2016
Proposizione innanzi al giudice monocratico in sezione distaccata - Attività ordinatoria od istruttoria di questi anteriormente alla rimessione alla sezione centrale del tribunale - Ammissibilità - Fondamento. In tema di querela di falso, l'art. 225, comma 1, c.p.c., nell'imporre la pronuncia del collegio, non detta una regola di trattazione collegiale del procedimento ma esprime solo una riserva al tribunale in composizione collegiale limitatamente ai poteri decisori, sicché, ove la querela venga proposta davanti a sezione distaccata di tribunale, in composizione monocratica, non si verifica alcuna nullità o vizio di costituzione del giudice se l'attività in concreto svolta dal giudice monocratico, prima di rimettere l'affare alla sezione centrale del tribunale per la decisione sul falso, abbia rilievo meramente ordinatorio, oppure sostanzialmente istruttorio. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 8705 del 03/05/2016  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - in genere – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 8705 del 03/05/2016
Proposizione innanzi al giudice monocratico in sezione distaccata - Attività ordinatoria od istruttoria di questi anteriormente alla rimessione alla sezione centrale del tribunale - Ammissibilità - Fondamento. In tema di querela di falso, l'art. 225, comma 1, c.p.c., nell'imporre la pronuncia del collegio, non detta una regola di trattazione collegiale del procedimento ma esprime solo una riserva al tribunale in composizione collegiale limitatamente ai poteri decisori, sicché, ove la querela venga proposta davanti a sezione distaccata di tribunale, in composizione monocratica, non si verifica alcuna nullità o vizio di costituzione del giudice se l'attività in concreto svolta dal giudice monocratico, prima di rimettere l'affare alla sezione centrale del tribunale per la decisione sul falso, abbia rilievo meramente ordinatorio, oppure sostanzialmente istruttorio. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 8705 del 03/05/2016  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 19576 del 30/09/2015
Proposizione dinanzi al Giudice di pace - Provvedimento di sospensione ex art. 313 c.p.c. - Regolamento di competenza su istanza del proponente la querela - Inammissibilità - Fondamento. Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 19576 del 30/09/2015 È inammissibile il regolamento di competenza, su istanza del proponente la querela di falso innanzi al giudice di pace, avverso il provvedimento di sospensione del processo reso dal medesimo giudice agli effetti dell'art. 313 c.p.c., diretto a far valere l'inammissibilità della querela, atteso che il controllo di legittimità, in tale ipotesi, è limitato alla verifica dell'avvenuta proposizione di querela di falso e che la disposizione non sia stata abusivamente invocata, spettando al giudice della querela l'esame delle questioni procedurali o sostanziali attinenti alla stessa. Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 19576 del 30/09/2015    ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10prova civile - falso civile - querela di falso - forma, modo e tempo della proposizione – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 759 del 16/01/2014
Querela di falso proposta in via principale - Conferma alla prima udienza - Necessità - Querela proposta in via incidentale - Successiva conferma - Esclusione - Fondamento. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 759 del 16/01/2014 La necessità che la querela di falso sia confermata nella prima udienza, prevista dall'art. 99 disp. att. cod. proc. civ., sussiste soltanto nel caso di querela proposta in via principale, mentre non è necessaria ove la stessa sia stata proposta in via incidentale dinanzi al giudice di pace, con successiva riassunzione del giudizio di falso dinanzi al Tribunale, ai sensi dell'art. 313 cod. proc. civ., atteso che, in tale evenienza, al querelante è noto che l'altra parte intende avvalersi del documento contestato.Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 759 del 16/01/2014...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10 Prova civile - falso civile - interpello della parte – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 23700 del 06/11/2014
Querela di falso proposta avverso il mandato a margine del ricorso per cassazione - Mancata comparizione della parte all'udienza di discussione - Rilevanza - Conseguenze - Inammissibilità del ricorso. Qualora sia proposta querela di falso incidentale avverso la sottoscrizione apposta sul mandato a margine del ricorso in cassazione, la mancata comparizione del ricorrente alla pubblica udienza di discussione - nel corso della quale sarebbe stato necessario rivolgere l'interpello ai sensi dell'art. 222 cod. proc. civ. - esclude l'inequivoca manifestazione della volontà di avvalersi del mandato conferito, dovendo, pertanto, considerarsi la procura speciale alle liti come mai rilasciata, con conseguente inammissibilità del ricorso. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 23700 del 06/11/2014  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - forma, modo e tempo della proposizione – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 196 del 09/01/2014
Querela di falso proposta in via principale - Conferma alla prima udienza - Necessità - Querela proposta in via incidentale - Successiva conferma - Esclusione - Fondamento. La necessità che la querela di falso sia confermata nella prima udienza, prevista dall'art. 99 disp. att. cod. proc. civ., sussiste soltanto nel caso di querela proposta in via principale, mentre non è necessaria ove la stessa sia stata proposta in via incidentale dinanzi al giudice di pace, con successiva riassunzione del giudizio di falso dinanzi al Tribunale, ai sensi dell'art. 313 cod. proc. civ., atteso che, in tale evenienza, al querelante è noto che l'altra parte intende avvalersi del documento contestato. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 196 del 09/01/2014  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 6793 del 04/05/2012
Prova orale affidata ad un magistrato in tirocinio mirato - Sottoscrizione del verbale, in presenza delle parti, da parte del magistrato titolare del procedimento - Sufficienza - Condizioni - Fondamento - Fattispecie. In tema di querela di falso, ove l'assunzione delle prove orali sia affidata ad un magistrato in tirocinio mirato ed il giudice affidatario, titolare del procedimento, sottoscriva il relativo processo verbale in presenza delle parti, deve ritenersi implicitamente eseguito il controllo circa il fatto che la redazione ed il contenuto di tale processo verbale siano conformi all'indirizzo impartito dal magistrato affidatario, ai sensi dell'art. 11, comma 4, del d.P.R. 17 luglio 1998 e, pertanto, l'attività istruttoria debba essere attribuita allo stesso, restando, quindi, irrilevante accertare se questi sia stato presente durante tutto il corso dell'assunzione della prova, requisito di validità dell'atto non richiesto dalla norma in modo assoluto. (Fattispecie in cui è stato escluso il falso nel verbale d'udienza, allorchè la contestazione non si riferiva alla sottoscrizione del giudice titolare e né al contenuto delle dichiarazioni dei testi, ma alla presenza del giudice predetto durante l'assunzione della prova). Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 6793 del 04/05/2012  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 6793 del 04/05/2012
Giudizio di ammissibilità e rilevanza - Vincolatività per il giudice della querela - Esclusione - Fondamento - Portata. In tema di querela di falso, il giudizio di ammissibilità e rilevanza non è riservato alla fase della sua proposizione, in quanto l'ordinanza che autorizza la presentazione non è suscettibile di passare in giudicato e, pertanto, non vincola il giudice della querela che, se non è obbligato a esaminare nuovamente la rilevanza, è tenuto a controllare che: a) che sulla genuinità del documento sia insorta contestazione; b) sia stato fatto uso del documento; c) il documento stesso sia idoneo a costituire prova contro l'istante. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 6793 del 04/05/2012  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - interpello della parte – Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 20233 del 03/10/2011
Querela incidentale - Giudizio principale davanti al giudice amministrativo - Interpello ex art. 222 cod. proc. civ. - Necessità - Esclusione - Fondamento. Nel procedimento di querela di falso incidentale ad un giudizio davanti al giudice amministrativo, il giudice ordinario non può disporre l'interpello, ai sensi dell'art. 222 cod. proc. civ. e per conoscere se la parte che ha prodotto il documento intenda valersene, atteso che tale disposizione non è interna al procedimento di accertamento del falso ma costituisce un adempimento di verifica preliminare di rilevanza rimesso al giudice della causa principale, nella specie, tuttavia, ad esso non tenuto per l'inapplicabilità della citata norma al giudizio amministrativo, nel quale la materia è disciplinata puntualmente dagli artt. 41 e 42 del r.d. 17 agosto 1907, n. 642. Corte di Cassazione Sez. 6 - 1, Ordinanza n. 20233 del 03/10/2011  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n.12130 del 03/06/2011
Funzione - Proposizione in via principale - Preliminare vaglio della rilevanza del documento - Necessità - Esclusione - Accertamenti necessari. Il giudizio di querela di falso, tanto in via principale che incidentale, si connota quale processo a contenuto oggettivo con prevalente funzione di protezione dell'interesse pubblico all'eliminazione di documenti falsi dalla circolazione giuridica. Ove, peraltro, la querela di falso sia proposta in via principale, il giudice non è tenuto al preliminare vaglio, al fine della valutazione dell'ammissibilità della domanda, della rilevanza del documento, come richiede invece l'art. 222 cod. proc. civ., per il caso di querela incidentale, dopo avere prescritto l'interpello della controparte, ma deve, ai soli fini del riscontro della fondatezza o non della querela, controllare che sulla genuinità del documento sia insorta contestazione, che di esso sia stato fatto uso, anche al di fuori di un determinato processo e che, per il suo contenuto, esso sia suscettibile di costituire mezzo di prova contro l'istante, mentre non ha rilievo l'ammissione della falsità da parte del soggetto nei cui confronti la querela è stata proposta. Corte di Cassazione Sez. L, Sentenza n.12130 del 03/06/2011  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 17465 del 23/07/2010
Querela di falso "incidentale" - Proposizione - Modalità - Giudizio di cassazione - Trattazione del ricorso in camera di consiglio ex art. 380 bis cod. proc. civ. - Proposizione della querela incidentale - Modo di proposizione - In adunanza della Corte, previa richiesta di audizione - Necessità - Proposizione mediante deposito di un'istanza in cancelleria - Conseguenze - Irricevibilità. In tema di querela di falso "incidentale", l'art. 221, secondo comma, cod. proc. civ. prescrive che essa sia proposta "con dichiarazione da unirsi al verbale d'udienza", in un momento, quindi, che garantisca la diretta interlocuzione fra le parti ed il giudice e la presenza del P.M., per la redazione del relativo processo verbale. Ne consegue che, nel procedimento di legittimità, se la trattazione del ricorso sia stata disposta in camera di consiglio, ai sensi dell'art. 380-bis cod. proc. civ., è irricevibile la querela in questione se, alla sua proposizione, si proceda non all'adunanza della Corte, previa richiesta di audizione formulata dalla parte, tramite il suo difensore, bensì mediante deposito di un istanza in cancelleria. Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 17465 del 23/07/2010  ...
222.(Interpello della parte che ha prodotto la scrittura) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - falso civile - querela di falso - Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 1110 del 22/01/2010
Ammissibilità della querela - Giudizio rimesso al giudice istruttore - Riesame del collegio in sede di decisione - Ammissibilità - Fondamento - Fattispecie. In tema di querela di falso, benché il dettato normativo affidi all'istruttore il giudizio sulla rilevanza processuale dell'atto inciso dalla querela e sull'ammissibilità della proposizione della stessa, non è precluso al collegio il riesame dei presupposti suddetti, atteso che l'ordinanza dell'istruttore, non suscettibile di passare in giudicato, può essere riesaminata, sia in ordine ai requisiti formali che nel merito della rilevanza dei documenti impugnati di falso, ai sensi dell'art. 178, primo comma, cod. proc. civ., dal collegio, in sede di decisione della causa. (Nella specie, la Corte ha fatto applicazione del principio in un caso in cui il giudice istruttore aveva rimesso al collegio, senza assumere alcuna determinazione, la valutazione in ordine alla ammissibilità della querela). Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 1110 del 22/01/2010  ...

_________________________________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice di procedura civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

 

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati