233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online logo 233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online foro_rivista

912 visitatori e un utente online

233. (Deferimento del giuramento decisorio)

Codice di procedura civile Libro secondo: DEL PROCESSO DI COGNIZIONE Titolo I: DEL PROCEDIMENTO DAVANTI AL TRIBUNALE Capo II: DELL'ISTRUZIONE DELLA CAUSA Sezione I: DEI POTERI DEL GIUDICE ISTRUTTORE IN GENERALE Sezione II: DELLA TRATTAZIONE DELLA CAUSA Sezione III: DELL'ISTRUZIONE PROBATORIA § 1: DELLA NOMINA E DELLE INDAGINI DEL CONSULENTE TECNICO § 2: DELL'ASSUNZIONE DEI MEZZI DI PROVA IN GENERALE § 3: DELL'ESIBIZIONE DELLE PROVE § 4: DEL RICONOSCIMENTO E DELLA VERIFICAZIONE DELLA SCRITTURA PRIVATA § 5: DELLA QUERELA DI FALSO § 6: DELLA CONFESSIONE GIUDIZIALE E DELL'INTERROGATORIO FORMALE § 7: DEL GIURAMENTO 233. (Deferimento del giuramento decisorio)

Art. 233. (Deferimento del giuramento decisorio)

1. Il giuramento decisorio può essere deferito in qualunque stato della causa davanti al giudice istruttore, con dichiarazione fatta all'udienza dalla parte o dal procuratore munito di mandato speciale o con atto sottoscritto dalla parte.

2. Esso deve essere formulato in articoli separati, in modo chiaro e specifico.

_________________________________________________________________________________
Giurisprudenza:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Giuramento deferito d'ufficio
Prova civile - giuramento - deferimento - giuramento deferito d'ufficio - del giuramento decisorio - decisione soltanto parziale della causa - giuramento decisorio - deferimento - legittimità. Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 27410 del 29/10/2018 >>> Il giuramento deferito da una parte all'altra conserva il carattere della decisorietà anche se, da esso, possa dipendere la decisione soltanto parziale della causa, cioè quando venga deferito per decidere un punto particolare della controversia, dotato di una propria autonomia, perché relativo ad uno dei capi della domanda ovvero ad uno dei momenti necessari dell'"iter" da seguire per la decisione, rispetto al quale il giuramento esaurisce ogni indagine. Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 27410 del 29/10/2018  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Giuramento sulla qualità di amministratore condominiale
Prova civile - giuramento - ammissibilità - oggetto - in genere - giuramento sulla qualità di amministratore condominiale - ammissibilità - esclusione - fondamento - difetto di storicità. Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 27086 del 25/10/2018 >>> Il giuramento, decisorio o suppletorio, non può vertere sull'esistenza o meno di rapporti o di situazioni giuridiche, né può deferirsi per provocare l'espressione di apprezzamenti od opinioni né, tantomeno, di valutazioni giuridiche, dovendo la sua formula avere ad oggetto circostanze determinate che, quali fatti storici, siano stati percepiti dal giurante con i sensi o con l'intelligenza. Non può pertanto costituirne oggetto la qualità di amministratore di condominio, implicando l'accettazione della nomina, che è un atto negoziale e non un fatto storico. Corte di Cassazione Sez. 2, Ordinanza n. 27086 del 25/10/2018...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - giuramento - ammissibilità - del giuramento decisorio – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 18833 del 26/09/2016
Deferimento con la comparsa conclusionale - Ammissibilità - Esclusione - Fondamento. È inammissibile, per tardività, la dichiarazione di deferimento del giuramento decisorio formulata per la prima volta con atto allegato alla comparsa conclusionale, poiché gli scritti difensivi successivi alla rimessione della causa al collegio possono contenere solo le conclusioni già fissate davanti al giudice istruttore. Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 18833 del 26/09/2016  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10prova civile - giuramento - ammissibilità - oggetto - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10184 del 30/04/2013
Giuramento sulla qualità di amministratore condominiale - Ammissibilità - Esclusione - Fondamento - Difetto di storicità. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10184 del 30/04/2013 Il giuramento, sia decisorio che suppletorio, non può vertere sull'esistenza o inesistenza di rapporti giuridici o di situazioni giuridiche, né può deferirsi per provocare l'espressione di apprezzamenti od opinioni, e, tantomeno, di valutazioni giuridiche, dovendo la sua formula avere ad oggetto circostanze determinate, che, quali fatti storici, siano stati percepiti dal giurante con i sensi o con l'intelligenza, sicché non può costituirne oggetto la qualità di amministratore di condominio, essa implicando l'accettazione della nomina, che è un atto negoziale e non un fatto storico. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10184 del 30/04/2013  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10prova civile - giuramento - ammissibilità - del giuramento decisorio – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 9831 del 07/05/2014
Prova civile - Giuramento decisorio - Decisorietà della formula - Estremi - Accertamento del giudice di merito - Incensurabilità in cassazione - Condizioni e limiti. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 9831 del 07/05/2014 La formula del giuramento decisorio - attese le finalità di questo speciale mezzo di prova - deve essere tale che, a seguito della prestazione del giuramento stesso, altro non resta al giudice che verificare l'"an iuratum sit", onde accogliere o respingere la domanda sul punto che ne ha formato oggetto. La valutazione (positiva o negativa) della decisorietà della formula del giuramento è rimessa all'apprezzamento del giudice del merito, il cui giudizio circa l'idoneità della formula a definire la lite è sindacabile in sede di legittimità con esclusivo riferimento alla sussistenza di vizi logici o giuridici attinenti all'apprezzamento espresso dal predetto giudice. Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 9831 del 07/05/2014  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Cassazione (ricorso per) - motivi del ricorso - vizi di motivazione – Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 4365 del 04/03/2015
Motivi del ricorso - Lamentata omessa ammissione di giuramento decisorio - Trascrizione nel ricorso della formula del giuramento - Necessità - Principio di autosufficienza del ricorso per cassazione - Applicazione. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 4365 del 04/03/2015 La parte che con il ricorso per cassazione sostenga che il giudice del merito ha errato nel non ammettere il deferimento del giuramento decisorio ha l'onere di indicare, specificatamente, il contenuto della formula del giuramento stesso, onde consentire la valutazione delle questioni da risolvere e della decisività dello stesso; infatti, per il principio di autosufficienza del ricorso per cassazione, tale controllo deve poter essere compiuto dalla Suprema Corte sulla base delle deduzioni contenute in tale atto, alle cui lacune non è dato sopperire con indagini integrative. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 4365 del 04/03/2015    ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10 Prova civile - giuramento - formula - Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 26027 del 10/12/2014
Modalità di deferimento - Formula contenente il riferimento alla sola conferma o alla sola negazione della pretesa (e non all'alternativa tra le due) - Validità - Sussistenza - Ragioni. La libertà di scelta del giurante non è garantita solo dalla formula di giuramento "affermo o nego che", ma anche da quella, più semplice, "affermo che" ovvero "nego che", dovendosi ritenere la possibilità d'invertire in senso contrario una delle suddette formule implicita nella stessa natura del giuramento (decisorio o suppletorio) diretto a confermare in modo solenne, in senso positivo o negativo, la verità o meno di un fatto decisivo ai fini della risoluzione della lite, senza che ciò costituisca, in realtà, una modificazione della formula stessa, ma soltanto la scelta dell'alternativa che si è inteso porre al giurante quale particolare sistema di risoluzione della lite. Corte di Cassazione Sez. 6 - 3, Ordinanza n. 26027 del 10/12/2014  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10donazione - forma - testimoni Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 14799 del 30/06/2014
Presenza di due testimoni - Necessità "ad substantiam" - Fondamento - Prestazione di giuramento decisorio - Effetto suppletivo - Insussistenza. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 14799 del 30/06/2014 Per la validità della donazione, ai sensi dell'art. 48 della legge notarile, anche prima della modifica introdotta dalla legge 28 novembre 2005, n. 246, è necessaria l'assistenza di due testimoni, alla mancanza dei quali non può supplire neanche la prestazione del giuramento decisorio. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 14799 del 30/06/2014 Riferimenti normativi:Cod. Civ. art. 782,Cod. Civ. art. 2699,Cod. Civ. art. 2736,Cod. Proc. Civ. art. 233...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10 Prova civile - giuramento - deferimento - del giuramento decisorio – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 22805 del 28/10/2014
Deferimento con atto di appello non sottoscritto personalmente dalla parte o da difensore munito di mandato speciale - Ammissibilità - Esclusione - Giuramento già ritualmente deferito in primo grado - Irrilevanza. È inammissibile il giuramento decisorio deferito con atto di appello non sottoscritto personalmente dalla parte o da difensore munito di mandato speciale, come richiesto dall'art. 233 cod. proc. civ., ma dal difensore munito soltanto dell'ordinaria procura "ad litem", anche se il giuramento sia stato ritualmente deferito in primo grado. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 22805 del 28/10/2014  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - giuramento - ammissibilità - del giuramento decisorio – Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 9831 del 07/05/2014
Prova civile - Giuramento decisorio - Decisorietà della formula - Estremi - Accertamento del giudice di merito - Incensurabilità in cassazione - Condizioni e limiti. La formula del giuramento decisorio - attese le finalità di questo speciale mezzo di prova - deve essere tale che, a seguito della prestazione del giuramento stesso, altro non resta al giudice che verificare l'"an iuratum sit", onde accogliere o respingere la domanda sul punto che ne ha formato oggetto. La valutazione (positiva o negativa) della decisorietà della formula del giuramento è rimessa all'apprezzamento del giudice del merito, il cui giudizio circa l'idoneità della formula a definire la lite è sindacabile in sede di legittimità con esclusivo riferimento alla sussistenza di vizi logici o giuridici attinenti all'apprezzamento espresso dal predetto giudice. Corte di Cassazione Sez. 1, Sentenza n. 9831 del 07/05/2014  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - giuramento - ammissibilità - oggetto - Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10184 del 30/04/2013
Giuramento sulla qualità di amministratore condominiale - Ammissibilità - Esclusione - Fondamento - Difetto di storicità. Il giuramento, sia decisorio che suppletorio, non può vertere sull'esistenza o inesistenza di rapporti giuridici o di situazioni giuridiche, né può deferirsi per provocare l'espressione di apprezzamenti od opinioni, e, tantomeno, di valutazioni giuridiche, dovendo la sua formula avere ad oggetto circostanze determinate, che, quali fatti storici, siano stati percepiti dal giurante con i sensi o con l'intelligenza, sicché non può costituirne oggetto la qualità di amministratore di condominio, essa implicando l'accettazione della nomina, che è un atto negoziale e non un fatto storico. Corte di Cassazione Sez. 2, Sentenza n. 10184 del 30/04/2013  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10PROVA CIVILE - GIURAMENTO - AMMISSIBILITÀ - DEL GIURAMENTO DECISORIO – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 11964 del 17/05/2010
Oggetto - Fatti già accertati o esclusi - Ammissibilità - Sussistenza - Contenuto decisorio - Necessità. Il giudice di merito deve sempre disporre il giuramento decisorio, benché deferito in via subordinata, anche se i fatti con esso dedotti siano stati già accertati o esclusi in base alle risultanze probatorie, purché il contenuto del giuramento abbia il carattere della decisorietà in ordine al "thema decidendum" oggetto della controversia. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 11964 del 17/05/2010  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - giuramento - ammissibilità - del giuramento decisorio – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 9045 del 15/04/2010
Formulazione dei capitoli - Decisività ai fini della lite - Condizioni. I capitoli del giuramento decisorio devono essere formulati in modo tale che il destinatario possa, a sua scelta, giurare e vincere la lite o non giurare e perderla. Ne consegue l'inammissibilità di una capitolazione che non contenga tale alternativa ma, al contrario, prefiguri la soccombenza della controparte sia ove presti il giuramento sia ove vi si sottragga. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 9045 del 15/04/2010  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Prova civile - prove raccolte in altro processo – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 8096 del 06/04/2006
Fra le stesse o anche altre parti - Potere del giudice - Loro utilizzazione - Ammissibilità - Confessione resa nel giudizio penale - Rilevanza nel giudizio civile - Condizioni - Conseguenza sull'ammissione di interrogatorio formale relativo alle stesse circostanze - Giuramento decisorio in sede civile - Preclusione alla sua ammissibilità in virtù dell'acquisizione degli esiti in ambito penale di altre prove privilegiate - Esclusione. Il giudice di merito può utilizzare, in mancanza di qualsiasi divieto ed in virtù del principio dell'unità della giurisdizione, anche prove raccolte in un diverso giudizio fra le stesse o anche altre parti e, pertanto, può desumere dalle risultanze del processo penale concernenti i medesimi fatti elementi sui quali fondare il proprio convincimento. Quando sia stata resa nel giudizio penale, la confessione, di norma, vale soltanto a fornire elementi indiziari, salvo che nel caso in cui, all'atto del compimento delle relative dichiarazioni, l'avversario non si sia già costituito p.c., nella qual ipotesi produce l'efficacia di confessione piena, con la conseguenza di impedire nel successivo giudizio civile l'ammissione dell'interrogatorio formale sui medesimi fatti che ne hanno formato oggetto. Diversamente deve ritenersi per il giuramento decisorio che deve essere ammesso anche quando abbia ad oggetto fatti accertati o esclusi dalle risultanze di causa o anche quando da una prova di carattere privilegiato, come la confessione giudiziale o quella stragiudiziale, risulti dimostrata una situazione di fatto contraria a quella che si intende provare con lo stesso giuramento, sempre che essa valga a risolvere totalmente o parzialmente la causa, a nulla rilevando che sia deferito in linea subordinata. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 8096 del 06/04/2006  ...
233. (Deferimento del giuramento decisorio) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10prova civile - prove raccolte in altro processo – Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 8096 del 06/04/2006
Fra le stesse o anche altre parti - Potere del giudice - Loro utilizzazione - Ammissibilità - Confessione resa nel giudizio penale - Rilevanza nel giudizio civile - Condizioni - Conseguenza sull'ammissione di interrogatorio formale relativo alle stesse circostanze - Giuramento decisorio in sede civile - Preclusione alla sua ammissibilità in virtù dell'acquisizione degli esiti in ambito penale di altre prove privilegiate - Esclusione. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 8096 del 06/04/2006 Il giudice di merito può utilizzare, in mancanza di qualsiasi divieto ed in virtù del principio dell'unità della giurisdizione, anche prove raccolte in un diverso giudizio fra le stesse o anche altre parti e, pertanto, può desumere dalle risultanze del processo penale concernenti i medesimi fatti elementi sui quali fondare il proprio convincimento. Quando sia stata resa nel giudizio penale, la confessione, di norma, vale soltanto a fornire elementi indiziari, salvo che nel caso in cui, all'atto del compimento delle relative dichiarazioni, l'avversario non si sia già costituito p.c., nella qual ipotesi produce l'efficacia di confessione piena, con la conseguenza di impedire nel successivo giudizio civile l'ammissione dell'interrogatorio formale sui medesimi fatti che ne hanno formato oggetto. Diversamente deve ritenersi per il giuramento decisorio che deve essere ammesso anche quando abbia ad oggetto fatti accertati o esclusi dalle risultanze di causa o anche quando da una prova di carattere privilegiato, come la confessione giudiziale o quella stragiudiziale, risulti dimostrata una situazione di fatto contraria a quella che si intende provare con lo stesso giuramento, sempre che essa valga a risolvere totalmente o parzialmente la causa, a nulla rilevando che sia deferito in linea subordinata. Corte di Cassazione Sez. 3, Sentenza n. 8096 del 06/04/2006  ...

_________________________________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice di procedura civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

Codice della crisi di impresa e sovraindebitamento

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati