271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online logo 271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online foro_rivista

1022 visitatori e 8 utenti online

271. (Costituzione del terzo chiamato)

Codice di procedura civile Libro secondo: DEL PROCESSO DI COGNIZIONE Titolo I: DEL PROCEDIMENTO DAVANTI AL TRIBUNALE Capo II: DELL'ISTRUZIONE DELLA CAUSA Sezione I: DEI POTERI DEL GIUDICE ISTRUTTORE IN GENERALE Sezione II: DELLA TRATTAZIONE DELLA CAUSA Sezione III: DELL'ISTRUZIONE PROBATORIA Sezione IV: DELL'INTERVENTO DI TERZI E DELLA RIUNIONE DI PROCEDIMENTI § 1: DELL'INTERVENTO DI TERZI 271. (1) (2) (Costituzione del terzo chiamato)

Art. 271. (1) (2) (Costituzione del terzo chiamato)

Al terzo si applicano, con riferimento all'udienza per la quale è citato, le disposizioni degli articoli 166 e 167, primo comma. Se intende chiamare a sua volta in causa un terzo, deve farne dichiarazione a pena di decadenza nella comparsa di risposta ed essere poi autorizzato dal giudice ai sensi del terzo comma dell'articolo 269.

---
(1) Articolo così sostituito dall'art. 30, L. 26 novembre 1990, n. 353.
(2) La Corte costituzionale con sentenza 23 luglio 1997, n. 260 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente articolo nella parte in cui non prevede per il terzo chiamato in causa l'applicazione dell'art. 167, secondo comma, del presente codice.

_________________________________________________________________________________
Giurisprudenza:

Aiuto: Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le prime cento massime della Cassazione di riferimento in ordine di pubblicazione (cliccare su ALTRI DOCUMENTI alla fine delle 100 massime per continuare la visualizzazione).

La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista (es. selezionale Titolo discendente per ordinare le massime in ordine alfabetico).

E' possibile attivare una ricerca full test inserendo una parola chiave nel campo "cerca".

271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Procedimento civile - intervento in causa di terzi – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 459 del 23/01/1982
Coatto iussu iudicis (chiamata) - poteri del chiamato.* Il terzo chiamato in causa iussu iudicis - sia quando l'ordine del giudice si ricollega a ragioni di semplice opportunità, sia, ed a maggior ragione, quando esso è dettato dall'esigenza di assicurare l'integrità del contraddittorio - assume nel processo una posizione autonoma, tale da consentirgli di proporre domande e difese senza riguardo allo stato della lite, salvo il limite generale della proposizione delle stesse con l'atto di Costituzione in giudizio. ( V 3237/71, mass n 354664; ( V 1762/67, mass n 328622; ( V 520/60).* Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 459 del 23/01/1982  ...
271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Procedimento civile - intervento in causa di terzi - coatto iussu iudicis (chiamata) - poteri del chiamato – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 277 del 01/02/1974
Prove assunte prima dell'intervento - vincolativita per il chiamato - esclusione - limiti.* Le prove assunte anteriormente all'intervento jussu iudicis non vincolano l'interveniente, che e libero di svolgere ogni difesa; ma se costui, anziche avvalersi di tale facolta, oppone nuove prove a quelle gia assunte, ben puo il giudice avvalersi di quelle per la decisione della causa.* Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 277 del 01/02/1974  ...
271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Procedimento civile - intervento in causa di terzi – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 277 del 01/02/1974
Coatto iussu iudicis (chiamata) - poteri del chiamato - prove assunte prima dell'intervento - vincolativita per il chiamato - esclusione - limiti.* Le prove assunte anteriormente all'intervento jussu iudicis non vincolano l'interveniente, che e libero di svolgere ogni difesa; ma se costui, anziche avvalersi di tale facolta, oppone nuove prove a quelle gia assunte, ben puo il giudice avvalersi di quelle per la decisione della causa.* Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 277 del 01/02/1974  ...
271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Procedimento civile in genere - intervento in causa di terzi - intervento volontario - poteri dell'interventore - dell'interventore autonomo – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2844 del 28/07/1969
Conclusione nei confronti delle parti contumaci - notificazione della comparsa di intervento - necessita - inosservanza - rimessione della causa dal giudice di appello a quello di primo grado - per l'integrazione del contraddittorio ed il riesame del merito.* Impugnazioni civili - appello - rimessione della causa al giudice di primo grado - per omessa integrazione del contraddittorio in primo grado.* L'interventore autonomo, che intenda prendere conclusioni oltre che nei confronti delle parti costituite, anche nei confronti delle parti rimaste contumaci, deve notificare a queste ultime la comparsa di intervento. Se, nonostante il difetto di tali notifiche il giudice di primo grado abbia pronunciato in merito anche nei confronti delle parti contumaci, il giudice d'appello deve annullare la sentenza impugnata e rimettere la causa al primo giudice per la regolarizzazione del contraddittorio e il nuovo esame del merito.* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2844 del 28/07/1969  ...
271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Procedimento civile in genere - intervento in causa di terzi - intervento volontario - poteri dell'interventore – Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2844 del 28/07/1969
Dell'interventore autonomo - conclusione nei confronti delle parti contumaci - notificazione della comparsa di intervento - necessita - inosservanza - rimessione della causa dal giudice di appello a quello di primo grado - per l'integrazione del contraddittorio ed il riesame del merito.* Impugnazioni civili - appello - rimessione della causa al giudice di primo grado - per omessa integrazione del contraddittorio in primo grado.* L'interventore autonomo, che intenda prendere conclusioni oltre che nei confronti delle parti costituite, anche nei confronti delle parti rimaste contumaci, deve notificare a queste ultime la comparsa di intervento. Se, nonostante il difetto di tali notifiche il giudice di primo grado abbia pronunciato in merito anche nei confronti delle parti contumaci, il giudice d'appello deve annullare la sentenza impugnata e rimettere la causa al primo giudice per la regolarizzazione del contraddittorio e il nuovo esame del merito.* Corte di Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 2844 del 28/07/1969  ...
271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Procedimento civile in genere - intervento in causa di terzi - intervento coatto iussu iudici (chiamata) - forma e tempo della chiamata – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1762 del 14/07/1967
Espletamento di mezzi istruttori - poteri del chiamato - facolta di richiedere nuove prove - mancato esercizio - effetti.* Il giudice puo ordinare in ogni tempo, e quindi anche dopo l'espletamento dei mezzi istruttori, l'intervento del terzo, ai sensi dell'art. 107 cod.proc.civ., quando ritenga opportuno che il processo si svolga anche nei suoi confronti per essere la causa a lui comune. Ove l'intervento avvenga dopo l'espletamento dei mezzi istruttori, il terzo ha piena liberta di difesa e non e vincolato all'attivita probatoria precedentemente svolta, ma, se egli non si avvale di tale facolta o rimane contumace, il giudice puo desumere anche nei suoi confronti elementi di convincimento dal materiale gia acquisito al processo.* Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1762 del 14/07/1967  ...
271. (Costituzione del terzo chiamato) - Foroeuropeo Rivista Giuridica Online freccia_27_10Procedimento civile in genere - intervento in causa di terzi - intervento coatto iussu iudici (chiamata) – Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1762 del 14/07/1967
Forma e tempo della chiamata - espletamento di mezzi istruttori - poteri del chiamato - facolta di richiedere nuove prove - mancato esercizio - effetti.* Il giudice puo ordinare in ogni tempo, e quindi anche dopo l'espletamento dei mezzi istruttori, l'intervento del terzo, ai sensi dell'art. 107 cod.proc.civ., quando ritenga opportuno che il processo si svolga anche nei suoi confronti per essere la causa a lui comune. Ove l'intervento avvenga dopo l'espletamento dei mezzi istruttori, il terzo ha piena liberta di difesa e non e vincolato all'attivita probatoria precedentemente svolta, ma, se egli non si avvale di tale facolta o rimane contumace, il giudice puo desumere anche nei suoi confronti elementi di convincimento dal materiale gia acquisito al processo.* Corte di Cassazione, Sez. 2, Sentenza n. 1762 del 14/07/1967  ...

_________________________________________________________________________________
Copyright © 2001 Foroeuropeo: Il codice di procedura civile - www.foroeuropeo.it
- Reg. n. 98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Avv. Domenico Condello

Stampa Email

chi siamo        contatti            collabora con noi                        pubblicità note legali -                          hanno collaborato           privacy - informativa trattamento dati
FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica - Rivista Specialistica Ordine Giornalisti Lazio - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma - Direttore Editoriale avv. Domenico Condello
Foroeuropeo S.r.l. - Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma - C.F.- P.I . 13989971000 - Reg. Imprese Roma - Copyright © 2001 - tutti i diritti riservati