foroeuropeo.it

Dottori commercialisti - ineleggibilità dei consiglieri dell'ordine che hanno svolto due mandati - Corte di Cassazione sentenza 12462/2018

Dottori commercialisti - ineleggibilità dei consiglieri dell'ordine che hanno svolto due mandati - Corte di Cassazione sentenza 12462/2018

La ratio dell'ineleggibilità prevista dall'art. 9, comma nono, del d.lgs. n. 139 del 2005, come correttamente rilevato dal Pubblico Ministero, va infatti individuata nell'esigenza di assicurare la più ampia partecipazione degli iscritti all'esercizio delle funzioni di governo degli Ordini, favorendone l'avvicendamento nell'accesso agli organi di vertice, in modo tale da garantire la par condicio tra i candidati, suscettibile di essere alterata da rendite di posizione (cfr. in riferimento alla rieleggibilità alla carica di Sindaco, Cass., Sez. I, 26/03/2015, n. 6128), e da evitare il manifestarsi di fenomeni di sclerotizzazione nelle relative compagini (cfr. Cass., Sez. I, 9/10/2007, n. 21100; 5/06/2007, n. 13181; 20/05/2006, n. 11895), potenzialmente nocivi per un corretto svolgimento delle funzioni di rappresentanza degl'interessi degl'iscritti e di vigilanza sul rispetto da parte degli stessi delle norme che disciplinano l'esercizio della professione, nonchè sull'osservanza delle regole deontologiche.

Tale esigenza non potrebbe ritenersi soddisfatta qualora, accedendosi all'interpretazione restrittiva fornita dal Consiglio Nazionale, si ritenesse ammissibile da parte di chi ha già ricoperto per due mandati consecutivi la carica di consigliere o quella di presidente o entrambe un'ulteriore candidatura per l'elezione all'altra carica, rendendosi in tal modo possibile una permanenza a tempo indeterminato del medesimo soggetto negli organi di governo dell'Ordine, con conseguente esclusione di altri eventuali aspiranti dall'accesso alle medesime cariche.

 la sentenza integrale

http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20180521/snciv@s10@a2018@Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Tags:

Stampa Email