foroeuropeo.it foro rivista

819 visitatori e 8 utenti online

Impiego pubblico - impiegati dello stato - disciplina - procedimento disciplinare - Corte di Cassazione, Sez. L - , Sentenza n. 13667 del 30/05/2018

Contestazione dell'addebito - Funzione - Specificità - Necessità - Natura - Atto unilaterale - Interpretazione - Criteri - Censurabilità in cassazione - Limiti - Fattispecie.

In tema di licenziamento disciplinare, la contestazione dell'addebito ha lo scopo di consentire al lavoratore incolpato l'immediata difesa e deve, conseguentemente, rivestire il carattere della specificità; l'apprezzamento di tale requisito - da condurre secondo i canoni ermeneutici applicabili agli atti unilaterali - è riservato al giudice di merito, la cui valutazione è sindacabile in cassazione solo mediante precisa censura, senza limitarsi a prospettare una lettura alternativa a quella svolta nella decisione impugnata. (Nella specie, è stato escluso che una lettera finalizzata ad ottenere una dichiarazione di inesistenza della situazione di incompatibilità segnalata con esposto anonimo potesse integrare una valida contestazione).

Corte di Cassazione, Sez. L - , Sentenza n. 13667 del 30/05/2018

 

Stampa Email

FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica
Rivista Specialistica - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma

Elenco Speciale Ordine Giornalisti del Lazio
Direttore avv. Domenico Condello

Foroeuropeo S.r.l.
Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma
CF- PI 1398997100

Copyright © 2001 - 2018 - tutti i diritti riservati

Comitato Redazione e Collaboratori

Collabora con foroeuropeo

pubblicità - note legali