foroeuropeo.it foro rivista

780 visitatori e 19 utenti online

  • Home
  • Ordinamento
  • Legge 247/2012
  • Art. 1.(Disciplina dell'ordinamento forense) - - - - - - - - (Titolo I Disposizioni generali)

Art. 1.(Disciplina dell'ordinamento forense) - - - - - - - - (Titolo I Disposizioni generali)

LEGGE 31 dicembre 2012, n. 247 Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense. (GU n.15 del 18-1-2013) Entrata in vigore dal: 02/02/2013 

 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

 Art. 1.(Disciplina dell'ordinamento forense)

1. La presente legge, nel rispetto dei princìpi costituzionali, della normativa comunitaria e dei trattati internazionali, disciplina la professione di avvocato.

2. L'ordinamento forense, stante la specificità della funzione difensiva e in considerazione della primaria rilevanza giuridica e sociale dei diritti alla cui tutela essa è preposta:

a) regolamenta l'organizzazione e l'esercizio della professione di avvocato e, nell'interesse pubblico, assicura la idoneità professionale degli iscritti onde garantire la tutela degli interessi individuali e collettivi sui quali essa incide;

b) garantisce l'indipendenza e l'autonomia degli avvocati, indispensabili condizioni dell'effettività della difesa e della tutela dei diritti;

c) tutela l'affidamento della collettività e della clientela, prescrivendo l'obbligo della correttezza dei comportamenti e la cura della qualità ed efficacia della prestazione professionale;

d) favorisce l'ingresso alla professione di avvocato e l'accesso alla stessa, in particolare alle giovani generazioni, con criteri di valorizzazione del merito.

3. All'attuazione della presente legge si provvede mediante regolamenti adottati con decreto del Ministro della giustizia, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n.400, entro due anni dalla data della sua entrata in vigore, previo parere del Consiglio nazionale forense (CNF) e, per le sole materie di interesse di questa, della Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. Il CNF esprime i suddetti pareri entro novanta giorni dalla richiesta, sentiti i consigli dell'ordine territoriali e le associazioni forensi che siano costituite da almeno cinque anni e che siano state individuate come maggiormente rappresentative dal CNF. Gli schemi dei regolamenti sono trasmessi alle Camere, ciascuno corredato di relazione tecnica, che evidenzi gli effetti delle disposizioni recate, e dei pareri di cui al primo periodo, ove gli stessi risultino essere stati tempestivamente comunicati, perchè su di essi sia espresso, nel termine di sessanta giorni dalla richiesta, il parere delle Commissioni parlamentari competenti.

4. Decorsi i termini per l'espressione dei pareri da parte delle Commissioni parlamentari, i regolamenti possono essere comunque adottati.

5. Dall'attuazione dei regolamenti di cui al comma 3 non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

6. Entro quattro anni dalla data di entrata in vigore dell'ultimo dei regolamenti di cui al comma 3 possono essere adottate, con la medesima procedura di cui ai commi 3 e 4, le necessarie disposizioni integrative e correttive. 

 


Un sistema esperto carica in calce ad ogni articolo le massime di riferimento in ordine di pubblicazione - La visualizzazione delle massime può essere modificata attivando la speciale funzione prevista. E' possibile attivare una ricerca full test inserendo la parola chiave nel campo "cerca"

Ordinamento professionale - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 9 settembre 2017, n. 117Ordinamento professionale - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 9 settembre 2017, n. 117
Ordinamento professionale: lex posterior generalis non derogat priori speciali La disciplina dell’ordinamento professionale costituisce una legislazione speciale, che come tale non può essere derogata da una normativa generale successiva. Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 9 settembre 2017, n. 117  ...
Funzione sociale - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 10 maggio 2017, n. 56Funzione sociale - Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 10 maggio 2017, n. 56
L’avvocato esercita una vera e propria funzione sociale L’avvocato esercita funzioni a garanzia del corretto esercizio della professione legale non solo nell’interesse delle parti assistite, ma anche dei terzi e della collettività, a garanzia del corretto esercizio della giurisdizione e dei principi dello Stato di diritto. Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 10 maggio 2017, n. 56...
1.funzionamento e convocazione dell'assemblea dell'ordine circondariale forense dm 156/20161.funzionamento e convocazione dell'assemblea dell'ordine circondariale forense dm 156/2016
MINISTERO DELLA GIUSTIZIADECRETO 13 luglio 2016, n. 156 Regolamento che stabilisce la disciplina per il funzionamento e la convocazione dell'assemblea dell'ordine circondariale forense, aisensi dell'articolo 27, comma 3, della legge 31 dicembre 2012, n.247. (16G00167) (GU n.187 del 11-8-2016) Vigente al: 12-8-2016 IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;Vista la legge 31 dicembre 2012, n. 247, ed in particolare gli articoli 1, comma 3, e 27, comma 3;Acquisito il parere del Consiglio...
1.associazioni forensi maggiormente rappresentative -  Regolamento 16 luglio 2014, n. 41.associazioni forensi maggiormente rappresentative - Regolamento 16 luglio 2014, n. 4
REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 4Norme per l’istituzione e le modalità di tenuta dell’elenco delle associazioni forensi maggiormente rappresentative-Art. 1, comma 3°, della legge 31.12.2012 n. 247  Regolamento 16 luglio 2014, n. 4Norme per l’istituzione e le modalità di tenuta dell’elenco delle associazioni forensi maggiormente rappresentative-Art. 1, comma 3°, della legge 31.12.2012 n. 247...
Avvocati - categorie di liberi professionisti che possono partecipare alle associazioni tra avvocati dm 23/2016Avvocati - categorie di liberi professionisti che possono partecipare alle associazioni tra avvocati dm 23/2016
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 4 febbraio 2016, n. 23 Regolamento recante norme di attuazione dell'articolo 4, comma 2, della legge 31 dicembre 2012, n. 247, per l'individuazione delle categorie di liberi professionisti che possono partecipare alle associazioni tra avvocati. (16G00031) (GU n.50 del 1-3-2016) Vigente al: 16-3-2016 IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400;Visto l'articolo 4, comma 2, della legge 31 dicembre 2012, n. 247;Visto l'articolo 1, comma 3, della legge 31 dicembre...

 


Stampa Email

puntovIl compenso all'avvocato con i parametri 2018 - I edizione 2018 

FOROEUROPEO - Settimanale di informazione giuridica
Rivista Specialistica - Reg. n.98/2014 Tribunale di Roma

Elenco Speciale Ordine Giornalisti del Lazio
Direttore avv. Domenico Condello

Foroeuropeo S.r.l.
Via Cardinal de Luca 1 - 00196 Roma
CF- PI 1398997100

Copyright © 2001 - 2018 - tutti i diritti riservati

Comitato Redazione e Collaboratori

Collabora con foroeuropeo

pubblicità - note legali