foroeuropeo.it

prova civile - poteri (o obblighi) del giudice - valutazione delle prove - Corte di Cassazione Sez.L, Sentenza n.13485 del 13/06/2014

Print Friendly, PDF & Email

Prova civile - Poteri discrezionali del giudice di merito - Contenuto - Valutazione di superfluità di una prova - Giudizio anche implicito - Ammissibilità - Fondamento. Corte di Cassazione Sez.L, Sentenza n.13485 del 13/06/2014

In tema di prova, spetta in via esclusiva al giudice di merito il compito di individuare le fonti del proprio convincimento, di assumere e valutare le prove, di controllarne l'attendibilità e la concludenza, di scegliere, tra le complessive risultanze del processo, quelle ritenute maggiormente idonee a dimostrare la veridicità dei fatti ad esse sottesi, assegnando prevalenza all'uno o all'altro dei mezzi di prova acquisiti, nonché la facoltà di escludere anche attraverso un giudizio implicito la rilevanza di una prova, dovendosi ritenere, a tal proposito, che egli non sia tenuto ad esplicitare, per ogni mezzo istruttorio, le ragioni per cui lo ritenga irrilevante ovvero ad enunciare specificamente che la controversia può essere decisa senza necessità di ulteriori acquisizioni.

Corte di Cassazione Sez.L, Sentenza n.13485 del 13/06/2014

Riferimenti normativi:
Cod. Proc. Civ. art. 115
Cod. Proc. Civ. art. 116

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile