foroeuropeo.it

Pronuncia giudiziale di risoluzione del contratto – Cass. n. 36918/2021

Print Friendly, PDF & Email

Contratti in genere - scioglimento del contratto - risoluzione del contratto - in genere - Pronuncia giudiziale di risoluzione del contratto - Natura costitutiva o dichiarativa - Differenze.

 

La pronuncia di risoluzione del contratto può avere natura costitutiva o meramente dichiarativa, in conseguenza della causa di scioglimento del rapporto prospettata ed accolta; in particolare, l'azione di risoluzione del contratto per inadempimento ex art. 1453 c.c., è volta ad ottenere una pronuncia costitutiva diretta a sciogliere il vincolo contrattuale, previo accertamento da parte del giudice della gravità dell'inadempimento, e differisce perciò sostanzialmente dall'azione di risoluzione di cui agli artt. 1454, 1456 e 1457 c.c., poiché in tali ipotesi l'azione intende conseguire una pronuncia dichiarativa dell'avvenuta risoluzione di diritto del contratto, a seguito del verificarsi di un fatto obiettivo previsto dalle parti come determinante lo scioglimento del rapporto.

Corte di Cassazione, Sez. 6 - 2, Ordinanza n. 36918 del 26/11/2021 (Rv. 663326 - 01)

Riferimenti normativi: Cod_Civ_art_1453, Cod_Civ_art_1454, Cod_Civ_art_1456, Cod_Civ_art_1457

 

Corte

Cassazione

36918

2021

MASSIME DELLA CORTE DI CASSAZIONE CLASSIFICATE PER MATERIA:

Menu Offcanvas Mobile